< San Valentino, le origini della festa degli innamorati - Womanincharge

San Valentino, le origini della festa degli innamorati

By febbraio 6, 2019Dal Mondo per le WIC

San Valentino, lo sanno tutti, è il giorno degli innamorati. Ma vi siete mai chieste il perché? Come accade per molte ricorrenze religiose, questa festa dedicata al martire cristiano Valentino da Terni, è nata per prendere il posto di un rito pagano precedente. Un modo per cancellare nella cultura delle popolazioni le credenze politeiste e per far spazio alla nuova “religione di stato”, in questo caso il cristianesimo. La istituì, nel 496, papa Gelasio I, in sostituzione della solennità pagana dei Lupercalia che consisteva in riti orgiastici dedicati al dio della fertilità Luperco.

Secondo i racconti degli storici durante questa festività (che cadeva il 15 di febbraio) l’apice della festa si raggiungeva quando le matrone romane correvano per le strade di Roma frustate da alcuni giovani nudi, devoti al Fauno Luperco, coperti con pelli di lupo. Un rito in contrasto con la morale cristiana così che il papa decise di sostituirla anticipando i festeggiamenti al giorno precedente.

Il santo

Valentino da Terni è nato nel 196 d.c. e venerato come guaritore degli epilettici e protettore degli innamorati. Secondo l’agiografia, la storia dei santi, il 14 febbraio del 273, a 97 anni (racconta la tradizione) fu decapitato da un soldato romano per aveva celebrato il matrimonio tra Serapia, donna cristiana, e Sabino, un legionario romano pagano. Secondo la leggenda mentre Valentino benediceva il matrimonio i due sarebbero morti insieme suggellando l’amore più puro (la donna era gravemente malata, mentre del soldato non si sa molto).

L’ascesa della festa

Ci pensarono poi i benedettini a diffondere la ricorrenza degli innamorati. Grazie alla loro colonizzazione dell’Europa centrale – pensate a tutti i monasteri sparpagliati per il vecchio continente – questa festa venne portata anche in Francia e Germania per approdare in Inghilterra. E al poeta inglese Geoffrey Chaucer, famoso I racconti di Canterbury, si deve il tradizionale scambio di messaggi d’amore e regali tra gli innamorati. Cosa vi aspettavate da un rappresentante dell’amor cortese? Il lungo cammino di San Valentino ha poi conosciuto la sua declinazione commerciale soprattutto negli ultimi anni, in cui gli oggetti, i gadget a forma di cuore, i regali costosi hanno fatto perdere di vista la purezza e la semplicità dei sentimenti.

 

Fonte articolo: iodonna.it