< La BILANCIA - Womanincharge

E allora eccoci qua… Nel segno della Vergine abbiamo visto completarsi la crescita del bambino che nasce in Ariete, che prende atto dell’ ambiente in Toro, che studia e comunica nei Gemelli, che si confronta con le sue radici nel Cancro per splendere nel Leone e responsabilizzarsi nella Vergine…..
Nella Vergine, se tutte le tappe esperenziali sono state assolte, abbiamo completato la nostra crescita individuale e la consapevolezza di chi siamo, cosa ci appartiene, cosa ci fa stare bene, cosa ci nutre e cosa non fa per noi. Nella Vergine abbiamo la certezza di essere adulti consapevoli e su questa consapevolezza dobbiamo volerci bene e darci ciò che ci regala forza e togliere o evitare ciò che non va bene per noi o ci toglie energia.
Nel segno della Bilancia iniziamo il percorso collettivo, relazionale, l’ incontro con l’ altro.
Perciò a questo livello di maturità del bimbo cresciuto siamo adatti a creare società, matrimoni o strette collaborazioni.
E si capisce bene che se non c’ è stato un vero e profondo cammino di auto conoscenza non sapremo riconoscere chi è l’ altro adatto a noi e che ci possa completare aggiungendo valore al nostro esistere.
E a volte l’ altro diventa un ideale, un bisogno, una urgenza che però, se non è voluto da un IO consapevole rischia di essere un cercare noi stessi nell’ altro, magari cercando quello che non siamo riusciti a tirare fuori da noi, proiettandoci difetti desideri o timori nostri che non abbiamo accettato di oggettivare e superare.
Nella Bilancia quindi abbiamo la persona che sa relazionarsi con chiarezza oppure chi cerca continuamente ciò che la completa spesso con una forte inquietudine o indecisione costante.
Spesso il segno della Bilancia è la metà che cerca l’ altra per completarsi.
Non sentirsi quindi un UNO, un intero, la porta a cercare costantemente questa metà.
Infatti in questo segno ( ricordatevi, segno come valore, non necessariamente segno solare) il giudizio altrui, il pensiero esterno ha un peso enorme perchè sentirsi ” la metà” porta a cercare di completare l’ unicità con gli altri. Piacere, non dispiacere, essere accettati, ricevere complimenti regala alla Bilancia il senso di esistere, regala autostima.
Per questo sono gentilissimi, educati, cortesi, spesso anche in modo formale ( sono ottimi diplomatici), perchè non sopportano di entrare in aperto conflitto, cercano il punto di incontro, l’ armonia, la stretta di mano che unisce in una reciproca accettazione.
Pone quindi una attenzione troppo scrupolosa sugli altri. Osserva, giudica, analizza i comportamenti altrui, e spesso vi cerca una conferma di sè.
Abbiamo spesso in questo segno una certa vanità, desiderio di complimenti, ricerca di armonia continua.
C’ è difficoltà a ” fregarsene” e vivere solo del proprio essere e delle proprie idee, e di cercare il valore di sè non solo dentro di noi ma anche attraverso l’ approvazione altrui.
Se il valore Bilancia è forte e sicuro allora abbiamo persone che sanno agire il loro innatissimo senso del bello e dell’ estetica, con una grande capacità di usare con naturalezza classe innata e buon gusto. Quando sono forti vivono l’ altro non più in chiave personale di approvazione ma come persona da aiutare, ed ecco il loro grande bisogno di giustizia. Essendo il primo segno del cammino collettivo cominciano a vedere l’ altro non più funzionale a un proprio rafforzamento individuale ma come a qualcuno di esterno che ha i nostri stessi diritti e doveri.
Nelle Bilance l’ elemento aria vola su livelli più intellettuali, a volte sofisticati e anche un pò snob.
Spessso rigorosi, selettivi, poiché la loro mente vuole fare una scelta adatta al proprio completamento.
Essendo il primo segno di relazionalità mantiene un atteggiamento di cautela, per questo è raro che un pianeta nella Bilancia si esponga o esageri per questo motivo.
Qui troviamo la ricerca dell’ equilibrio tra l’ IO e l’ ALTRO, alla pari.
Come la Legge, simbolo della Bilancia, che solitamente si dice che è uguale per tutti.
Sappiamo che spesso non è vero e che forse a volte le leggi proprio perchè uguali per tutti possono diventare sbagliate in situazioni particolari.
Ecco, in questo segno spesso esiste una spinta all’ accomodamento o al giudizio uguale per tutti che rischia di togliere spontaneità e attenzione a un bisogno o desiderio o altro che esca da queste ” leggi” indiscutibili…..
Uso spesso questa metafora: il segno della Bilancia non è come un motorino che può andare dappertutto ma come un treno che per viaggiare ha bisogno di un binario e non può deragliare. Ha un suo percorso e si muove su quel percorso.
Leggi, certezze, ancora i famosi confini limitati della Vergine che accompagnano e che vedremo che dallo Scorpione cominceranno a cedere…..
E comunque, piaccia o non piaccia non potremo mai dire a un treno ” corri da solo sulla spiaggia”
Quindi rispettiamo questo” binario” su cui pur piacevolmente il valore Bilancia deve scorrere!
Un treno non può diventare un motorino.